giovedì 20 giugno 2019

INDUSTRIAL IoT E CYBER SECURITY: COME DIFENDERSI

Un evento organizzato da Personal Data e Project Informatica per conoscere 
i rischi legati agli attacchi verso i dispositivi IoT

Personal Data, system integrator bresciano del Gruppo Project e Project Informatica hanno organizzato in collaborazione con Cisco, Duo e Panduit un evento dedicato alla tematica della cyber security industriale. 

Giovedì 27 giugno, ore 9 - 15

C/o Cantine Bersi Serlini Franciacorta

Via Cereto, 7 - 25050 Provaglio d'Iseo (Bs)

La diffusione dell'IoT nell'industria è in continua crescita: questo sviluppo implica di riflesso maggiori rischi per la cyber sicurezza che potrebbe portare a gravi perdite per le organizzazioni. Secondo alcune recenti indagini, i dispositivi IoT vengono attaccati entro cinque minuti dal collegamento e diventano oggetto di attacchi specifici nel giro di 24 ore. Inoltre, il numero di attacchi DdoS (Distributed Denial of Service) nel 2018 è cresciuto del 26% rispetto all'anno precedente. 

Partendo dagli scenari e i rischi inerenti all'Operational Technology, in questa occasione verranno trattate le tematiche di risk e security assessment con l'obiettivo di offrire un approccio complessivo ed efficace per affrontare insieme una strategia di sicurezza adottando le soluzioni più appropriate. Un grande contribuito verrà dato da Panduit e Cisco per quanto riguarda gli approfondimenti sull'infrastruttura industriale e l'approccio tecnologico e ampio spazio verrà dato alle soluzioni e servizi in ambito OT.




Personal Data
Presente sul mercato ICT da quasi 40 anni, Personal Data, azienda bresciana del Gruppo Project, è specializzata in soluzioni infrastrutturali personalizzate per la gestione, la virtualizzazione e la business continuity dei sistemi IT. Accompagna imprese pubbliche e private nel percorso di trasformazione dei processi aziendali e organizzativi, con tecnologie, competenze e servizi attraverso soluzioni on premise, cloud o ibride. Per informazioni visitare il sito: https://www.personaldata.it/  

giovedì 23 maggio 2019

Personal Data e Ivanti: insieme per unificare e gestire i servizi IT delle imprese

Personal Data, system integrator bresciano del Gruppo Project, focalizzato su soluzioni per la virtualizzazione e la business continuity dei sistemi IT annuncia la partnership con Ivanti, società americana leader nel settore del system & service management a livello globale.

Le soluzioni di Ivanti (nata dall'unione tra Landesk e Heat) permettono alle aziende una gestione unificata dei servizi IT, dagli endpoint alla supply chain, con la massima protezione degli asset e dei dati business-critical. E' una  tecnologia consolidata in grado di guidare la digital transformation delle organizzazioni abbattendo i silos IT con maggiore visibilità, ottimizzando l'efficienza, abbassando i rischi e automatizzando processi e dati condivisi in totale sicurezza.

"Oggi le aziende sono chiamate ad affrontare continue e nuove sfide, soprattutto nell'ambito dell'analisi e della sicurezza dei dati, così come devono affrontare i processi di integrazione delle tecnologie digitali applicate al business", commenta Giuliano Tonolli, amministratore e direttore commerciale di Personal Data. "La piattaforma di Ivanti è perfetta per risolvere efficacemente le esigenze di governance IT delle imprese di ogni dimensione e in ogni settore, che hanno ambienti di utilizzo sempre più complessi e devono passare ai servizi cloud."

Il 12 giugno Personal Data sarà presente in qualità di Gold sponsor alla tappa di Milano del road show mondiale "Interchange Unplugged", evento partito in  aprile da Dubai e che toccherà altre città come Cape Town, Tokio, Pechino e Melbourne e si concluderà a Dublino il 17 ottobre 2019. 

Secondo il sondaggio effettuato da Ivanti, il 15% dei 400 professionisti IT interpellati ritiene di avere troppe fonti di dati e riferisce di dover lavorare con le informazioni per giorni, settimane o più prima che siano pienamente utilizzabili. Dai risultati di questo studio emerge chiaramente che c'è bisogno di un approccio più univoco quando si lavora tra diversi reparti organizzativi e i relativi silos: la sicurezza rimane un requisito fondamentale per la comprensione delle informazioni, ma è anche importante sottolineare che le organizzazioni IT devono trovare modi più efficaci per lavorare con i propri dati o continuerà ad esserci un impatto negativo su altre priorità IT critiche. 

La piattaforma SaaS (software-as-a-service) di Ivanti che Personal Data propone ai suoi clienti riguarda i seguenti ambiti di applicazione: 

-        Sicurezza degli endpoint: l'approccio è basato su più livelli di sicurezza di protezione dei dispositivi che agiscono dalle fondamenta per ridurre vulnerabilità sugli endpoint.  Per server, risorse dedicate a specifiche funzioni, thin client e endpoint virtualizzati.

-        Gestione dei servizi IT: soluzioni per l'help desk IT, per la gestione delle richieste e per definire processi di gestione dei servizi ITIL più avanzati.

-        Gestione degli Asset IT:  gli asset vengono tracciati e gestiti durante il loro intero ciclo di vita, nonché individuati e recuperati per evitare i rischi economici derivanti da una errata o mancata gestione di hardware e software

-        Gestione unificata degli endpoint: gestione dei dispositivi e dei profili utenti da un'unica console. È uno strumento indispensabile per automatizzare la distribuzione del software, ridurre i problemi associati alle prestazioni di accesso e integrare le azioni con più soluzioni IT.

-        Supply chain: soluzioni potenti per migliorare la produttività nel magazzino con vantaggi concreti e quantificabili, compatibili con tutti i principali sistemi SCM per la gestione della catena di fornitura.

-        Identity Management: Le soluzioni cloud e mobile hanno rivoluzionato il modo in cui i servizi IT vengono erogati nell'azienda. Ivanti offre un approccio basato sugli attributi per la gestione di identità e accessi (Identity and Access Management, IAM) con provisioning automatizzato, flussi di lavoro e self-service. Gli utenti ottengono il livello di accesso appropriato in base alla loro identità, senza ostacolare la produttività e mantenendo i sistemi aziendali sempre protetti.

Personal Data partecipa al BIE (Brescia Industrial Exhibition)

Personal Data, system integrator bresciano del Gruppo Project, focalizzato su soluzioni per la virtualizzazione e la business continuity dei sistemi IT, partecipa alla quinta edizione del BIE, Brescia Industrial Exhibition, che si terrà dal 23 al 25 maggio presso il Centro Fiera del Garda di Montichiari, Brescia. La fiera è un appuntamento importante per meccanica, macchine utensili e automazione e si inserisce in un territorio strategico, che detiene il primato a livello internazionale per concentrazione di aziende del settore.

Nello spazio espositivo situato al Pad. 8 - Stand 17, Personal Data presenterà  a  clienti, partner e prospect il software Business Cube, gestionale personalizzato dall'azienda in ottica industriale per il controllo della capacità produttiva. I moduli introdotti sono dedicati al monitoraggio della produzione (pianificazione, calendario operativo, occupazione centri di lavoro, utilizzo macchine e persone), all'assegnazione del carico macchine e alla rilevazione e all'avanzamento della produzione, che si integrano e interagiscono con tutte le procedure standard del gestionale. La parte Mobile dell'applicativo viene installata su ciascuna delle postazioni da monitorare (PC industriali o tablet) e si può consultare anche da remoto.

Inoltre, sarà l'occasione per conoscere i servizi offerti dalla divisione Sicurezza IIoT con cui Personal Data crea soluzioni specifiche per ambienti industriali in grado di proteggere dispositivi e soluzioni Industrial Internet of Thing per l'automazione in ottica Industria 4.0. Metodologie che garantiscono la continuous availability, proposte ai clienti con un approccio consulenziale da tecnici altamente qualificati, per ogni tipo di esigenza di business.

Per maggiori informazioni sulla Fiera: https://www.fierabie.com/it/ 

martedì 21 maggio 2019

WIFI4EU: come sfruttare l'opportunità offerta dalla campagna europea di finanziamento per il free Wi-Fi.

Comuni e Pubbliche Amministrazioni che si accingono a implementare progetti per il Wi-Fi pubblico potranno ricevere informazioni e supporto attraverso un seminario web proposto da Cambium Networks, azienda di rifermento del settore. 

Venerdì 7 Giugno 2019 ore 11.00


WIFI4EU è l'importante programma pluriennale di sovvenzioni per fornire connettività Wi-Fi gratuita a comuni e associazioni di tutta Europa. Questi contributi copriranno sino al 100% delle infrastrutture necessarie, con l'obiettivo di offrire ai cittadini connettività gratuita di alta qualità in edifici e aree pubbliche cittadine, come parchi, piazze, musei, biblioteche, centri sanitari, e così via.

Per poter accedere ai finanziamenti è indispensabile che le pubbliche amministrazioni siano consapevoli dei molteplici aspetti connessi, in modo tale che i progetto siano perfettamente conformi ai requisiti richiesti dal programma. 

Di seguito gli argomenti chiave del seminario:

• Conoscere i requisiti tecnici del WIFI4EU
• Come verificare se i dispositivi scelti sono conformi a tali requisiti
• Soluzioni Cambium Networks e relative caratteristiche
• Basi di progettazione delle reti Wi-Fi
• Esempi pratici con linee guida per la costruzione di un computo metrico e per la
  realizzazione di reti Wi-Fi, indoor e outdoor.

Il seminario sarà' tenuto da Maximilian Moccia, Italy Regional Technical Manager di Cambium Networks.

Per iscriversi:  https://register.gotowebinar.com/register/3573304335614764555

mercoledì 8 maggio 2019

Cambium Networks: ecco le nuove soluzioni ePMP per il Fixed Wireless Broadband.

Le nuove proposte, basate su Wave 2 802.11ac, permettono ai Wireless Service Provider (WISP) di ottenere il massimo beneficio dagli investimenti già effettuati sulla base installata.

Cambium Networks, fornitore di riferimento per le soluzioni di rete wireless, annuncia le nuove soluzioni a banda larga ePMP per una connettività realmente affidabile ed economica. Estendendo la piattaforma MU-MIMO di ePMP 3000, le nuove soluzioni completano il portafoglio offrendo un nuovo modulo CPE (Customer Premise Equipment) connettorizzato e un access point rugged dotato di sincronizzazione GPS; entrambi offrono numerose possibilità di implementazione con antenne di terze parti. Queste novità nella gamma ePMP estendono ulteriormente le opzioni di connettività wireless per i service provider, così come per gli operatori aziendali e industriali che implementano le soluzioni della "Wireless Fabric" di Cambium Networks.

"E' importante vedere come il portafoglio di ePMP di Cambium Networks continua ad espandersi con nuovi subscriber module e access point basati sulla più recente tecnologia Wave 2 802.11ac", ha affermato Mitchell Block, Presidente di NetOps Communications, un grande operatore wireless americano. "Cambium Networks dimostra di comprendere le reali esigenze del mercato WISP e sviluppa di conseguenza nuovi prodotti. La compatibilità con le versioni precedenti e successive della piattaforma ePMP ci aiutano concretamente a pianificare la migrazione verso nuove tecnologie, proteggendo al contempo i nostri investimenti correnti. Cambium Networks dimostra un continuo impegno verso gli operatori e ci permette di fornire reti sempre migliori tenendo il passo con le richieste dei nostri clienti. "


"Siamo molto soddisfatti del lancio dei nuovi ePMP3000L, F300CSM e F130 sul mercato. Queste estensioni del portafoglio seguite al lancio di ePMP3000, aggiungono realmente flessibilità a fronte delle esigenze dei WISP. Questi prodotti rispondono perfettamente alle richieste degli operatori che cercano soluzioni ad alte prestazioni in un modello di distribuzione a densità ridotta ", sottolinea Sakid Ahmed, Vicepresidente di ePMP Business, Cambium Networks." ePMP offre un agevole percorso di migrazione con piena compatibilità sia verso le soluzioni passate che quelle future, da 802.11n a 802.11ac Wave 2 con 4x4 MU-MIMO, proteggendo gli investimenti mentre lo standard 802.11 continua a evolversi. "

Gli operatori di rete possono inoltre progettare rapidamente i collegamenti ad alta affidabilità con il software gratuito LINKPlanner, per poi monitorare le prestazioni e gestire la rete con il sistema di management end-to-end gratuito cnMaestro.

In dettaglio le novità introdotte:

• ePMP 3000L: ottimizzato per aree a bassa densità di copertura, ePMP 3000L offre connettività basata su architettura Micro-PoP. Questo access point Wave 2 802.11ac con tecnologia MIMO offre una velocità di trasmissione dati fino a 600 Mbps nelle bande 5150-5950 MHz e utilizza la sincronizzazione GPS per ottenere scalabilità e alta efficienza spettrale. L'ePMP 3000L è un dispositivo IP67 connettorizzato e può essere dotato di un'antenna settoriale, a fascio stretto o omnidirezionale, per fornire una copertura mirata.

• Modulo subscriber ePMP Force 300 CSM: per collegare posizioni difficili da raggiungere, Force 300 CSM , basato su 802.11ac Wave 2, offre una velocità di trasmissione dati fino a 600 Mbps nei canali 20/40/80 MHz utilizzando la tecnologia MIMO 2x2. L'unità è dotata di connettori che consentono personalizzazioni per implementazioni con antenne piatte o a tromba.
• ePMP Force 130 - Fornisce fino a 140 Mbps di throughput ed è ideale per applicazioni a corto raggio, ad alta capacità di backhaul o multipoint. Funziona nelle bande 5150-5970 MHz e 2,4 GHz, e i moduli includono funzionalità QoS e di gestione.

La workstation virtuale di Personal Data è basata su Citrix, HPE e NVIDIA GRID

Personal Data, system integrator bresciano del Gruppo Project, focalizzato su soluzioni per la virtualizzazione e la business continuity dei sistemi IT, annuncia la disponibilità della soluzione di virtual desktop infrastructure che permette la centralizzazione dei software CAD/PDM/PLM, basata su Citrix, NVIDIA GRID e storage All Flash di HPE.

L’approccio tecnologico proposto da Personal Data introduce un nuovo modo di lavorare che consente alle aziende che si occupano di progettazione, ingegneria e impianti e che utilizzano in modo intensivo le workstation grafiche, di progettare da qualsiasi terminale, esattamente come se i software per la modellazione 3D e i relativi applicativi fossero installati localmente. In questo modo è possibile incrementare nel tempo la potenza elaborativa garantendo continuità e semplicità di gestione grazie anche alla gestione dell’ambiente centralizzato VDI (virtual desktop infrastructure).

La vitualizzazione della workstation nell’ufficio tecnico consente di operare indistintamente dalla sede aziendale o da remoto con garanzia di flessibilità, alte prestazioni e totale sicurezza; protegge la proprietà intellettuale dell’azienda; permette di essere indipendenti dalla workstation della stazione di lavoro CAD, consente il backup dei dati centralizzato e infine può ridurre i tempi di caricamento e salvataggio dei progetti e ripristinare istantaneamente la progettazione a fronte di qualsiasi problema software o di anomalia delle workstation.

“Virtualizzare una workstation vuol dire centralizzare le varie attività in un’unica postazione ma soprattutto, significa collaborazione semplificata, scalabilità, sicurezza e aumento delle performance”, afferma Giuliano Tonolli, direttore commerciale e amministratore di Personal Data. “Come qualsiasi infrastruttura virtualizzata, è significativo anche il conseguente risparmio sul conto economico: dopo l’investimento importante iniziale i costi di implementazione, gestione e di manutenzione saranno ridotti in modo notevole.”

Descrizione dell’infrastruttura tecnologica:

Citrix:
Software di virtualizzazione della workstation Virtual Desktop

Nvidia GRID:
Virtualizzazione della scheda grafica installata su server certificati. Garanzia di altissime prestazioni e indipendenza dalle workstation

HPE storage:
Storage all-flash ad altissime prestazioni con garanzia di protezione dei dati e di business continuity grazie agli innovativi FlexPool, Insta Snap e IntegriCheck.

giovedì 11 aprile 2019

La soluzione per il monitoraggio e la sicurezza di rete Flowmon è ora disponibile sul marketplace di Microsoft Azure

Flowmon Networks, fornitore di soluzioni avanzate di monitoraggio e sicurezza della rete, ha annunciato la disponibilità della soluzione Flowmon nel marketplace di Microsoft Azure. I clienti che non dispongono della necessaria visibilità quando trasferiscono le loro operazioni sul cloud possono ora ottenere informazioni dettagliate per risolvere i problemi di prestazioni della rete, identificare le opportunità di ottimizzazione e garantire l'infrastruttura tra i diversi ambienti per supportare i servizi business critical.

L'infrastruttura di rete costituisce oggi il sistema nervoso di ogni moderna organizzazione e deve fornire servizi aziendali con la qualità prevista in modo continuo e coerente. Per evitare il degrado delle prestazioni, rispondere a problemi di disponibilità e difendersi dalle minacce che incidono direttamente sulla soddisfazione di clienti e utenti,  le imprese devono vedere cosa sta accadendo nel traffico di rete e capire perché, salvaguardando obiettivi aziendali e reputazione.

"La soluzione Flowmon per Azure offre una visibilità di nuova generazione sul traffico di rete in ambienti IT ibridi" afferma Pavel Minarik, Chief Technology Officer di Flowmon Networks. "Le aziende che trasferiscono le loro operazioni sul cloud possono ora beneficiare di questa visibilità per ottimizzare le prestazioni dell'infrastruttura sottostante e ottenere il massimo dalla trasformazione digitale ",

La soluzione di monitoraggio e sicurezza della rete Flowmon offre funzionalità efficaci per l'identificazione del degrado, la risoluzione rapida degli incidenti, il reporting, la pianificazione della capacità e il rilevamento di anomalie indesiderate e minacce informatiche che potrebbero bypassare il perimetro e le difese signature-based. Ai clienti viene ora fornita la massima flessibilità per decidere se ospitare la propria soluzione di monitoraggio e analisi della rete in cloud oppure on-premisis, come virtuale o hardware. Se il cliente esegue servizi in modalità IaaS, Flowmon consente di assumere il controllo del traffico cloud mediante il mirroring del traffico tramite vTAP di Microsoft Azure.

"Offriamo ai nostri clienti a un vero strumento di monitoraggio delle prestazioni della rete basato su cloud. Se operano in un ambiente ibrido o multi-cloud, Flowmon funge da singolo pannello di controllo e offre visibilità del traffico in ambienti diversi attraverso un unico tool", aggiunge Minarik.

Azure Marketplace è un marketplace online per l'acquisto e la vendita di applicazioni SaaS (Software as a Service) e dataset premium. Il marketplace di Azure mette in contatto le aziende alla ricerca di soluzioni innovative basate su cloud con partner che hanno sviluppato soluzioni pronte all'uso. Flowmon per Azure è disponibile in licenza con modalità bring-your-own. Le licenze devono essere acquistate tramite i partner di canale Flowmon.


giovedì 4 aprile 2019

Allnet.Italia distribuisce le soluzioni per la connettività wireless di Cambium Networks

Access point Wi-Fi di classe enterprise, switch e software di gestione cloud based sono al centro del nuovo accordo di distribuzione.

Allnet.Italia, distributore ad alto valore aggiunto, specializzato in soluzioni innovative per l’informatica e le telecomunicazioni, ha siglato un accordo di distribuzione con Cambium Networks, produttore di riferimento a livello globale per le tecnologie di trasmissione wireless.

Il portafoglio di prodotti Cambium Networks offre soluzioni di connettività “Intelligent edge” che includono gli access point Wi-Fi cnPilot e la nuova linea di switch enterprise cnMatrix, nati per le nuove reti intelligenti cablate e wireless gestite in cloud. L’offerta sarà completata dal software di gestione per le reti wireless cnMaestro.

“Allnet.Italia è felice di estendere la propria collaborazione con Cambium Networks anche in Italia, dopo la già proficua collaborazione in Spagna con la controllata Wifidom ed in Germania con la consociata ALLNET GmbH.” commenta Emiliano Papadopoulos, CEO di Allnet.Italia. “E’ un azienda molto organizzata, con ambizioni importanti ed un go to market strutturato al 100 %, grazie al canale e al tema italiano preparato ed esperto. Cambium ha dimostrato di essere un’azienda capace di generare continua innovazione e conquistare quote mercato nel mondo Wireless Broadband, Wi-Fi e switching. Ci sono tutti i presupposti per una partnership duratura e di successo con il nostro team”.

“La specifica esperienza e le competenze di Allnet.Italia come distributore a valore aggiunto sia nel mondo delle tecnologie wireless come nel networking, lo rende un partner di elevato potenziale per il nostro portafoglio prodotti, che si presenta ora particolarmente ricco grazie alla presenza dei nuovi switch della serie cnMatrix.” – sottolinea Marco Olivieri, Regional Sales Manager di Cambium Networks – “Si tratta di prodotti che consentono di costruire e gestire reti enterprise di elevatissimo livello qualitativo a costi contenuti, accessibili perciò anche alla media e piccola impresa.”

mercoledì 6 marzo 2019

Flowmon presenta Flowmon Encrypted Traffic Analysis

Flowmon Networks,  vendor focalizzato in soluzioni avanzate per il monitoraggio e la sicurezza delle reti, ha annunciato la disponibilità di Flowmon Encrypted Traffic Analysis. Come parte dell'ultima versione di Flowmon 10, offre alle organizzazioni la valutazione in tempo reale del traffico crittografato, semplifica l'applicazione delle politiche di sicurezza, mantenendo così il livello di protezione desiderato.

Secondo NSS Labs, il 75% del traffico web verrà crittografato entro il 2019. Da un lato, la crittografia è ciò che un'organizzazione responsabile deve attuare per proteggere la comunicazione dall'essere intercettata e compromessa, salvaguardando integrità e riservatezza. D'altra parte, la complessità della gestione della crittografia rappresenta una sfida per le organizzazioni, che devono  garantire la conformità crittografica, con la conseguente incertezza sul raggiungimento del livello di protezione desiderato.

"Con l'aumentare del numero di attacchi informatici che sfruttano la crittografia, gli standard di conformità crittografici diventeranno sempre più stringenti e difficili da mantenere”, afferma Pavel Minarik, CTO di Flowmon Networks. “Nell'era del traffico crittografato, la capacità di analizzare tali comunicazioni diventa fondamentale per un'efficace applicazione delle policy di sicurezza.”

La soluzione Flowmon monitora i metadati del traffico di rete e li aggrega nei cosiddetti flussi (NetFlow/IPFIX standards) con un'estensione specifica estratta dall'handshake TLS (creazione di comunicazioni crittografate). Questo approccio, che non richiede alcuna decodifica, è l'unico modo per comprendere appieno le moderne comunicazioni crittografate, preservando la privacy in modo perfettamente scalabile.

"Flowmon  offre ai team operativi di rete il controllo sul traffico crittografato. Monitora e analizza i metadati del traffico di rete, segnala incoerenze nella conformità crittografica e aiuta perciò a mantenere il livello di protezione desiderato e ad evitare comunicazioni indesiderate”, continua Minarik. “Grazie a ciò, i team NetOps possono rispondere delle esigenze di sicurezza organizzativa, garantendo al tempo stesso la riservatezza della comunicazione.”

Con Flowmon Encrypted Traffic Analysis, i team NetOps possono, ad esempio, monitorare i certificati SSL scaduti e non conformi, ispezionare l'efficacia della crittografia e bloccare le versioni TLS indesiderate che contengono vulnerabilità o client non conformi. Inoltre, tale visibilità consente alle organizzazioni di combattere le minacce informatiche e il malware che abusano della crittografia per eludere il rilevamento, come la comunicazione C&C, gli attacchi man-in-the-middle e l'estrazione dei dati.